Caro energia, preoccupazione per le scuole della Provincia di Perugia

Si teme per il probabile aumento delle bollette nei mesi a venire: i ristori del Governo riusciranno solo in parte ad ammortizzare i costi

La Provincia di Perugia continua a tenere d’occhio la questione dei consumi energetici nelle scuole del territorio, un tema all’ordine del giorno in seguito ai possibili, e poco confortanti, scenari futuri. Un fenomeno simile ha sempre interessato la Provincia stessa, che in passato ha più volte sensibilizzato i dirigenti scolastici sulla necessità di razionalizzare i consumi all’interno degli istituti.

Negli ultimi tre anni sono arrivati importanti finanziamenti in materia di efficientamento energetico, come testimoniato dall’elevato numero di scuole dotate di impianti fotovoltaici capaci di garantire una consistente produzione annua di energia elettrica. E risultano essere ancora molte, nella Regione, le strutture da realizzare a consumi energetici prossimi allo zero.

Nonostante si stia lavorando in maniera adeguata, la Provincia si dice tuttavia preoccupata per i continui rincari delle bollette, che andranno a pesare in maniera determinante sul bilancio dell’Ente. Per il 2022 è stato stimato un aumento di quasi tre milioni di euro che andrà ad incidere sulla spesa corrente, e i ristori del Governo riusciranno solo in parte ad ammortizzare i costi.

Insomma, le buone pratiche che si adotteranno negli istituti di competenza della Provincia per il risparmio energetico non saranno sufficienti. La speranza è di non dover prendere da soli decisioni piuttosto importanti.

Categorie
News

Articoli consigliati