Comunità intraprendenti: ad Allerona un incontro per guardare al futuro

Evento organizzato da Legacoopsociali Umbria presso l'Hosteria di Villalba: fenomeno in crescita, seppur non ancora molto diffuso

Comunità intraprendenti, ovvero gruppi di persone dedite ad organizzarsi in maniera autonoma per produrre un beneficio collettivo: realtà importanti e in lieve crescita, seppur non così diffuse. Di questo si è parlato nell’incontro organizzato ad Allerona da Legacoopsociali Umbria, in collaborazione con il centro studi Eurisce e l’Università degli Studi di Perugia.

Sono varie, ad oggi, comunità del genere. Questo perché alcune corrispondono a quelle cooperative in cui i cittadini divengono imprenditori per lo sviluppo dell’area in cui operano, mentre in altre i consumatori vanno a supportare le imprese agricole collaborando attivamente. Da non dimenticare poi gli empori solidali e le food coop, cooperative di consumo critico in cui vi sono sia soci consumatori che soci volontari.

Per quanto riguarda il cuore verde d’Italia, starebbe tendendo ad aumentare il numero delle comunità intraprendenti. Da segnalare, ad esempio, quella di Allerona che ha ospitato l’evento di Legacoopsociali, vale a dire Oasi (virtuose pure le cooperative di comunità De’ Pazzi a Baschi e del Monte Peglia).

Per Andrea Bernardoni, numero uno di Legacoopsociali, realtà di questo tipo possono essere considerate un motore di cambiamento, soprattutto per il fatto di puntare a sperimentare soluzioni innovative, fondate sulla partecipazione. Confermato come in Umbria si cercherà di supportare sempre di più i cittadini pronti ad auto-organizzarsi.

Categorie
News

Articoli consigliati