1 morto ogni 3 giorni per inquinamento a Roma. I dati di Cittadini per l’aria

Raggi: "Escluse dall'anello ferroviario le automobili euro 3 a partire dal prossimo novembre"

A Roma c’è un morto ogni 3 giorni per inquinamento da biossido di azoto. Almeno il 27% dei romani vive in zone in cui la concentrazione di polveri sottili supera i 40 milligrammi per metro cubo. Ma è il 100% dei romani a respirare aria inquinata con effetti nocivi per l’organismo umano. I dati sono stati presentati da “Cittadini per l’aria” e sono stati raccolti grazie a semplici cittadini che hanno installato nelle proprie case dei rilevatori dell’inquinamento. La buona notizia è che se fossero abolite del tutto le automobili diesel i dati tornerebbero nella norma infatti a produrre la maggior parte del biossido sono proprio le automobili che utilizzano questo carburante. I dati sono stati esaminati dalla prima cittadina di Roma che ha voluto annunciare in questa sede la decisione di escludere dall’anello ferroviario le automobili euro 3 a partire dal prossimo novembre. E i cittadini che vorrebbero andare in bici promuovono la creazione di nuove piste ciclabili in città. Il modo migliore per proteggersi dall’inquinamento, secondo le associazioni, consiste nel fare sentire agli amministratori le proprie esigenze per spingere l’adozione di politiche a tutela della propria salute.

Categorie
News

Articoli consigliati