Le conseguenze del coronavirus sul commercio romano: danni al 76% delle imprese

La Camera di Commercio di Roma diffonde un documento che illustra l'impatto iniziale del Covid-19 su settori come ristorazione e alberghi: la volontà è quella di fornire un costante aggiornamento sull'evoluzione dei fatti

Un impatto negativo e abbastanza generalizzato che colpisce molti settori produttivi e che dà vita a un calo del fatturato oltreché a una carenza di liquidità: questi i principali effetti della diffusione del coronavirus sul tessuto produttivo della Capitale e della sua provincia.

La Camera di Commercio di Roma diffonde un documento che illustra l’impatto iniziale del Covid-19 su settori come ristorazione e alberghi: la volontà è quella di fornire un costante aggiornamento sull’evoluzione dei fatti, con l’obiettivo di identificare le misure che meglio si prestano a contenere il danno economico subito dalle imprese.

A proposito di imprese, ben 495 quelle interessate da una particolare indagine effettuata nella settimana tra il 2 e il 10 marzo 2020, prima dell’entrata in vigore dell’ultimo Dpcm. Tali realtà imprenditoriali hanno, nel 75% dei casi, la sede nel comune di Roma: il 77,2% di queste ha tra 0 e 9 dipendenti, il 19,4% tra i 10 e i 49.

«Il momento è durissimo e senza precedenti – afferma Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma – ma, naturalmente, non possiamo lasciarci andare, anzi bisogna triplicare i nostri sforzi. I dati della nostra indagine sono indicativi dell’impatto molto negativo del virus sul tessuto produttivo, ma ci sono segnali incoraggianti da cogliere. Chiari e importanti. Il 64,5% delle imprese ha già messo in campo azioni di contrasto. Questo segnala la prontezza del sistema imprenditoriale che si sforza di non subire passivamente uno shock del tutto nuovo».

Categories
Servizi

RELATED BY