11 milioni e mezzo di euro sequestrati agli Hotel romani

L'accusa è di non avere versato la tassa di soggiorno a Roma Capitale

Intascavano la tassa che i turisti pagano per soggiornare a Roma ma poi non versavano il contributo a Roma Capitale. Così centinaia di migliaia di euro rimanevano nella disponibilità dei gestori di diversi hotel capitolini. Il contributo di soggiorno è una tassa che varia a seconda della categoria dell’hotel scelto e può andare dai 3 euro per gli alberghi a 1 stella fino ad arrivare a 7 euro giornalieri, per i primi 10 giorni di soggiorno, per chi alloggia negli hotel a 5 stelle. La procura di Roma ha imposto il sequestro di 11 milioni e mezzo di euro. A dover rispondere all’accusa di peculato tra gli altri ci sono il gestore del Grand hotel Plaza di Roma, Cesare Palladino, che ha già patteggiato una pena di un anno e due mesi e ha subito il sequestro di due milioni di euro. Stessa sorte per i gestori dell’hotel Domidea, già sottoposti al sequestro di 200mila euro di tasse evase. In questo ultimo caso la tassa di soggiorno non sarebbe stata versata dal 2015 al 2018.

Categories
Servizi

RELATED BY