Arte, i lavori di Luigi Boille esposti al Casino dei Principi di Villa Torlonia

Considerato un autentico protagonista dell'Informale, durante la sua carriera l'autore nato a Pordenone del 1926 riuscì a concentrare nel "segno" il suo elemento distintivo, impegnandosi a portarlo ad un'evoluzione costante

Raccontare, attraverso circa 80 lavori, un percorso di ricerca artistica lungo ben 57 anni. Questo l’obiettivo di Claudia Terenzi e Bruno Aller, curatori della mostra dedicata a Luigi Boille allestita al Casino dei Principi di Villa Torlonia e aperta al pubblico fino al 3 novembre. Considerato un autentico protagonista dell’Informale, durante la sua carriera l’autore nato a Pordenone del 1926 riuscì a concentrare nel “segno” il suo elemento distintivo, impegnandosi a portarlo ad un’evoluzione costante.

Se la 1^ parte della mostra è scandita da materiale risalente alla metà del Novecento, andando avanti si possono ammirare componimenti su carta seguiti da dipinti effettuati tra il 1964 e il 1966. Interessante la produzione relativa agli anni Settanta e Ottanta. L’ultima sezione, che va dal 1997 al 2015, mette in evidenza la cosiddetta “rarefazione” del segno, destinato a stagliarsi su estese campiture di colore.

Categories
Servizi

RELATED BY