Prima Direzione PD a guida Zingaretti

"Servono alleanze allargate. Il voto in Basilicata? Pericoloso, ma opportunità per riaprire bipolarismo

Nella sua prima Direzione del PD in veste di Segretario, Nicola Zingaretti chiarisce tra le righe come la sua elezione non segni la fine della crisi del partito democratico ma solo un punto di partenza.

Ora che la testa è stato decisa, urge infatti trovare corpo e coda del nuovo centro sinistra, che dopo la muta si è lasciato dietro la stagione renziana e gran parte delle alleanze passate.

Dopo aver perso la guida della Basilicata dopo ben 24 anni a favore della Lega Salviniana, Zingaretti ammette che è “un voto preoccupante, che conferma la leadership della Lega nel centrodestra”. Ma che riapre il dialogo su un nuovo possibile bipolarismo:

La strategia è quella di muoversi in più direzioni, ha sottolineato Zingaretti “guardando agli elettorati che cominciano a riflettere su quanto l’opzione della Lega di Salvini rappresenti i loro interessi. E su quanti si sentono traditi dal M5s nel suo bisogno di cambiamento”

Passati i giorni in cui il Partito Democratico si proponeva come guida del Paese, oggi il PD deve battersi per tornare ad essere una forza politica di peso. Per il Segretario, le parole d’ordine al momento sono unità e alleanze, anche se c’è discordanza anche su chi abbia avuto per primo questa idea. E mentre si cerca di far risuonare le corde interne al PD all’unisono la sabbia scorre nella clessidra, in vista del prossimo banco di prova che saranno le regionali in piemonte prima del grande trampolino che saranno le elezioni europee.

Categories
Servizi

RELATED BY