Stadio della Roma, in Campidoglio la relazione del Politecnico di Torino sui flussi del traffico

A quanto pare il giudizio complessivo sarebbe buono: i tecnici torinesi avrebbero dato l'ok agli ulteriori studi effettuati dagli uffici comunali proprio in merito al nodo viabilità

La relazione del Politecnico di Torino sul nuovo stadio della Roma è giunta a destinazione. Secondo voci di corridoio, il Campidoglio avrebbe ricevuto il materiale contenente le valutazioni dettagliate legate ai flussi del traffico, una delle maggiori incognite riguardo la realizzazione dell’opera. L’apertura del fascicolo è stata “congelata” fino all’arrivo di Virginia Raggi, incaricata di leggerlo organizzando anche un vertice di maggioranza con i 5 Stelle.

A quanto pare il giudizio complessivo sarebbe buono, nel senso che i tecnici torinesi avrebbero dato l’ok agli ulteriori studi effettuati dagli uffici comunali proprio in merito al nodo “traffico”. Una manna dal cielo, verrebbe da pensare. Perché poco tempo fa il Politecnico stesso disegnò un quadro pessimo in termini di viabilità nell’area di Tor di Valle, se non altro per l’assenza nel progetto di un 2° ponte, quello di Traiano.

Per quanto il presunto esito sia incoraggiante, tra i grillini ci sarebbero almeno 4 consiglieri piuttosto perplessi: ecco spiegata la richiesta di un incontro immediato per fare il punto della situazione. Se nella giornata di lunedì dovrebbe essere convocata una commissione Trasparenza per esaminare la relazione del Politecnico, a breve il sindaco dovrebbe presenziare a una conferenza stampa indetta con l’obiettivo di illustrare i contenuti del testo redatto a Torino fornendo, se possibile, le coordinate temporali della variante urbanistica necessaria per la posa del 1° mattone.

Considerando l’invito dei tecnici a reinserire sulle planimetrie il Ponte di Traiano, cancellato in passato alla luce del dimezzamento delle cubature, a Palazzo Senatorio c’è il timore che il taglio del cemento possa aver squilibrato l’intero progetto.

Categories
Servizi

RELATED BY